CORSO AIUTO CUOCO qualifica regionale

 6.500,00

Il corso prevede lezioni teorico–pratiche e uno stage formativo per formare operatori della ristorazione specializzati, in grado di inserirsi nel mondo del lavoro in breve tempo. Tradizione ed innovaz…

corso professionale

Docenti: Marco Claroni (chef), Paolo Dalicandro (chef), Marco De Vita (chef), Antonio Galatà (nutrizionista), Gabriella Genua (HACCP), Andrea Giujusa (HACCP e sicurezza), Vincenzo Mancino (gastronomo), Vittoria Mezzina (avvocato), Andrea Palmieri (chef), Antonio Sciullo (chef).

Giorno: dal lunedì al venerdì; 350 ore di formazione in aula/laboratorio (59 lezioni), più 105 ore di stage curriculare, per complessive 455 ore.

Data inizio corso: 21/01/2019

Data fine corso: 22/05/2019

Orario: 8.00-14.00

Costo:  6.500,00

Sede: Via della Pineta Sacchetti, 263

PRENOTA

Descrizione

Il corso prevede lezioni teorico–pratiche e uno stage formativo per formare operatori della ristorazione specializzati, in grado di inserirsi nel mondo del lavoro in breve tempo. Tradizione ed innovazione si fondono in questo corso, strutturato affinché ogni allievo sappia valorizzare i prodotti, dando vita a piatti più o meno complessi: si parte da un attento studio della materia prima, per poi passare alla disamina delle tecniche di preparazione, cottura e conservazione, attraverso l’insegnamento dell’utilizzo di tecnologie innovative, nel rispetto delle norme HACCP e delle norme di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro. Completano l’offerta formativa lezioni di: panificazione da ristorazione, pasticceria salata, contrattualistica del lavoro. Le classi sono a numero chiuso, al fine di garantire a ogni allievo un efficace e sicuro apprendimento.

Costo del corso € 6.000,00 + iscrizione € 500,00 — IVA esente (grazie all’accreditamento della scuola presso la Regione Lazio).
Il costo del corso comprende:
- attestato di qualifica professionale in caso di superamento dell’esame finale
- attestato di frequenza al corso della scuola A Tavola con lo Chef
- attestato come responsabile del piano di Autocontrollo HACCP sostitutivo del libretto sanitario (DGR Lazio 825/09 e Reg. CE 852/04)
- attestato di sicurezza nei luoghi di lavoro (D. Lgs 81/08)
- iscrizione per un anno alla Federazione Italiana Cuochi
- divisa completa e scarpe antinfortunistica
- dispensa e materiale didattico
- borsone per il trasporto di divisa e materiale didattico
- set coltelli professionali con custodia
- materie prime e di consumo
- assicurazione INAIL
- assicurazione privata antinfortunistica per la durata del corso di un anno
- uso delle attrezzature dei laboratori.


Per poter accedere al corso il candidato dovrà essere in possesso dei seguenti requisiti:
- aver compiuto la maggiore età
- aver assolto l’obbligo scolastico
- se cittadino straniero, ai precedenti requisiti si aggiungono i seguenti: se comunitario deve conoscere la lingua italiana, se extracomunitario oltre a questo deve anche avere un permesso di soggiorno valido per tutta la durata del corso.
Il livello di conoscenza della lingua italiana sarà valutato preventivamente attraverso un test e un colloquio.


Acquisire la conoscenza delle tecniche di conservazione, preparazione e cottura delle materie prime e dei semilavorati, al fine di preparare ricette di qualità ed equilibrate dal punto di vista nutrizionale.
Svolgere consapevolmente e in piena autonomia operativa il proprio ruolo, utilizzando attrezzature e tecniche idonee nel rispetto delle norme HACCP e delle norme di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro.


Gli argomenti trattati affrontano tematiche relative alla scelta delle materie prime, a come lavorarle in modo sia tradizionale sia innovativo, utilizzando attrezzature che sfruttano tecnologie avanzate nel rispetto delle norme di igiene e sicurezza. Le lezioni pratiche sono incentrate sullo studio e l’approfondimento dei metodi di taglio e della preparazione di verdure; fondi e salse; patate; legumi; cereali; uova; primi piatti regionali e nazionali; pasta fresca e pasta ripiena; zuppe; riso; prodotti ittici; carne; formaggi; tecnologia applicata alla preparazione di verdure, carne e pesce; fritti; pasticceria al carrello, pasticceria al piatto; pasticceria salata e pane da ristorazione.
L’allievo imparerà così a creare piatti tipici e innovativi della tradizione, secondo le ultime tendenze gastronomiche, in piena autonomia rivolgendo l’attenzione anche agli aspetti nutrizionali e ai costi di produzione.


Il corso prevede un periodo di stage a completamento della formazione ricevuta in aula/laboratorio ed è propedeutico all’ammissione all’esame finale.
Lo stage è svolto in strutture selezionate dalla scuola ed è supportato dalla presenza di un tutor.


L’esame si articolerà in due giornate nelle quali saranno svolte la prova teorica e la prova pratica, entrambe sostenute davanti a una commissione esaminatrice composta dal rappresentante della Regione, di altri enti istituzionali e dai docenti titolari del corso.
All'esame finale potranno essere ammessi solo gli alunni che avranno frequentato almeno l’80% delle ore di formazione previste dall'intero percorso formativo.


Al termine del corso e dopo aver superato l’esame finale, l’alunno riceverà:
- attestato di qualifica legalmente riconosciuto (ai sensi della L.R. 23/92 e L. 845/78) a livello regionale, nazionale ed europeo
- attestato di frequenza al corso della scuola A Tavola con lo Chef
- attestato come responsabile del piano di Autocontrollo HACCP sostitutivo del libretto sanitario (DGR Lazio 825/09 e Reg. CE 852/04) (frequenza obbligatoria 20 ore)
- attestato di sicurezza nei luoghi di lavoro (D. Lgs 81/08) (frequenza obbligatoria 10 ore).